Un pane che si mantiene morbido per un paio di giorni, anche di più se conservato in frigo dentro un sacchetto di plastica sigillato, basterà farlo "rinvenire" in forno quando vorremo consumarlo.
Nella Video guida l'ho chiamato "il pane della festa" perché lo si può mangiare come antipasto (tagliato a fette sottili e passato brevemente in forno con una fettina di pancetta sopra), in accompagnamento a pietanze molto saporite (per smorzarne il gusto) ed infine come dessert, spalmato di ricotta zuccherata, mascarpone oppure, l'apoteosi moderna, con la Nutella.